Asher Kuno: l’Intervista!


Abbiamo avuto l’occasione di scambiare due chiacchere con Asher Kuno, Come nostra abitudine gli abbiamo rivolto alcune domande sulla musica, lo sport e la moda.

Vi auguriamo una buona lettura!

Asher Kuno

Innanzi tutto abbiamo saputo del tuo viaggio in Brasile con Jack the Smoker, come è andato? Ti piace molto viaggiare? Avete portato la un pò di Hip Hop Italiano?

E’ stata una esperienza atipica quella a Sao Paulo, ero con Jack appunto, Zampa e Cap Stan di Verona,
alloggiavamo in una favela chiamata San Saverio, nella periferia sud est della città, presso una famiglia del posto. Abbiamo avuto l’opportunità di esibirci dal vivo assieme agli Z’africa Brasil in tre eventi, in più abbiamo fatto un incontro con una scuola media,e lì parlano di hip hop pure nei libri. E non sto scherzando. Sicuramente è un posto dove l’hip hop serve davvero ad educare i giovani, ed è quindi molto diffuso. E fanno un hip hop molto contaminato dalla loro musica popolare, abbiamo sentito delle produzioni davvero originali, e di alto livello. A breve sul mio canale youtube pubblicherò in più parti, una sorta di reportage, stiamo finendo di montare tutto.

A proposito di Jack the Smoker, nel suo ultimo album V.Ita è presente un tuo featuring, c’è un ottimo rapporto con lui? Avete in mente qualche progetto musicale insieme?

Ci conosciamo da 9 anni e collaboriamo da 7, il capitolo Spregiudicati, oramai terminato, fino al 2005 è stato un momento fondamentale della nostra vita, dopodichè abbiamo perso un pò tutti l’entusiasmo negli anni, anche perchè da 7 componenti che eravamo, rimanemmo in tre, attivi chi più chi meno.
Nel 2008 ho fatto Rolling Flow, e il supporto di Jack è stato fondamentale, non solo per una questione artistica. Anche per quanto riguarda le produzioni, sia i suoi beats che quelli di Big Edo, rispecchiano appieno il tipo di suono che piace a me per fare il rap. Insomma, in generale da queste parti c’è voglia di fare.
Non saprei dirti riguardo un progetto assieme, ne parliamo spesso, poi però pensiamo solo ai nostri progetti da solisti. Mi piacerebbe ovviamente, magari entro un paio d’anni.

Il tuo ultimo album, Rolling Flow, risale al 2008. Attualmente stai lavorando a qualcosa di nuovo? Quali sono i tuoi progetti futuri?

Sto facendo delle nuove tracce mie, vorrei per febbraio fare uscire un ep, sempre in free download.
In più sto lavorando assieme ad altri rapper italiani ad un progetto chiamato Drammachine, ma aspettiamo di raccogliere ancora un pò di materiale prima di ufficializzare il tutto e i componenti del progetto.
E poi ho una passione per l’ hosting nei mixtape, mi è capitato di farne un paio qualche anno fa, era in cantiere uno con Dj Vigor prima dell’estate, poi non abbiamo più fatto nulla. Peccato, spero torni ad entrambi la voglia ed il tempo di farlo. Per il resto, stiamo suonando parecchio in giro, ci auguriamo un bell’inverno caldo da nord a sud, per promuovere l’album di Jack.

Hai sempre collaborato con grandi rapper italiani come Dj Kamo, Bassi Maestro, Inoki, Tormento, Esa, Amir Zeus One, Vacca, Mr. Phil e molti altri. Che rapporto hai con la scena Hip Hop Italiana ? E nello specifico con quella Milanese?

Ho avuto la fortuna, e altre volte me lo sono meritato, di collaborare con molti dei rapper che seguivo già da ragazzino. Il freestyle all’inizio ci ha dato un ottima spinta, erano anche i tempi di 8mile, noi però facevamo anche gli album, “The Fottamaker” uscì quando avevo 19 anni, non ero particolarmente tecnico, anzi, ma avevo personalità, e grazie a ciò il nome un pò è girato. L’altra fortuna è quella di esser vissuto in una città prolifica in materia, ho sempre visto dal vivo gente come Bassi, Esa o Medda, capisci che bastava guardarli
per capire come fare le cose. Siamo esseri umani, ed è normale avere simpatie ed antipatie, ma in generale non ho problemi con nessuno, sopratutto a Milano.

Nell’ultimo periodo ti abbiamo sentito nel Mixtape “The Luca Brasi vol.1” di Uzi Junker e in “The Reverse Ep” di Uzi Junker e Coliche mdt. In passato hai collaborato con le Mentispesse ci chiedevamo come è nato il rapporto con loro? E’ per via delle tue origini sarde?

Coliche degli Mdt è un amico di vecchia data, ed è anche un ottimo rapper, i suoi prodotti, come quello con Uzi, stanno avendo un buon seguito, e sono contento perchè se lo meritano, sbattersi premia. Coi singoli componenti di Mentispesse mi è capitato più volte d’incontrarmi, la prima volta gli scrissi io nel 2004 credo, proprio per la voglia di conoscere gruppi rap sardi. Poi mi chiamarono nel loro album, e fu davvero un piacere collaborarci.

In Zeitgeist di Dj Nais invece hai scritto una canzone molto provocatoria sulla religione, come mai hai scelto proprio quella tematica trai vari principi di questo documentario?

Proprio per via del mio lavoro principale, ho lavorato appunto nella casa in costruzione di un prete, negli stessi giorni del terremoto Abruzzese. Insomma, un pò di idee a riguardo te le fai quando hai la realtà proprio davanti agli occhi. In quei giorni casualmente Nais m’ha chiesto il pezzo per il suo cd, ispirato al documentario Zeitgeist, la prima parte parla appunto di religioni. E’ stato davvero spontaneo parlarne, ho scritto il testo in un attimo.

La musica è fondamentale nella vita di chiunque, quali sono i tuoi cantanti preferiti?

I miei rapper preferiti variano ogni due mesi :)
Non ho tempo per ascoltare tutti i dischi che escono, fortunatamente Jack mi passa sempre tutte le robe migliori, almeno per i miei gusti. Evidence e Sean Price sono quelli che un pò m’hanno influenzato negli ultimi anni, ma la mia generazione è cresciuta con i suoni del QB, da Nas a Prodigy, con la testa siamo sempre un pò lì. E anche con le robe di Detroit, Guilty Simpson, Frank n Dank…Eminem! e perchè no pure Fifty, e anche Busta Rhymes…
Mi è impossibile farti una lista completa, posso solo assicurarti che ascolto bella musica.

Quali sono quelle che consideri priorità nella vita? Che consigli dai ai giovani? che accorgimenti puoi dare a chi vuole fare musica rap in italia?

Essere felice. Ognuno trovi il modo più adeguato. Assicuro che il rap è una buona valvola di sfogo.
Consiglio ai giovani che stanno iniziando a fare questo genere di musica di non avere fretta, non basta comprarsi un featuring di un rapper conosciuto per essere dei buoni rapper. Meno fame di fama, e magari più flow.

Hai altre passioni oltre alla musica?

Seguo il calcio con una certa passione, Interista da sempre.
E ho una forte simpatia per il Cagliari, proprio per una questione di origini, fino a qualche anno fa con un cugino ho fatto anche qualche trasferta in giro per l’ Italia.

Sul tuo canale di youtube abbiamo visto dei video in cui con Supa vai a fare shopping. Qual è la tua brand preferita? Quanto conta per te il look?

Ho una collezione di circa settanta New Era, diciamo che cerco un pò i vestiti a seconda dei cappelli che ho, mi diverte molto il matching dei colori.
Non sono fissato particolarmente di brand, semplicemente se un vestito è figo tento di recuperarlo.

Anche tu, come JO, sei un “fissato” di sneakers? Quante ne possiedi? E qual è la tua preferita?

Ho qualche sneakers, ma non sono un collezionista, anche perchè dopo qualche anno le distruggo.
Comunque sia, Air Max e Air Force in generale sono le mie scarpe.

Sempre in compagnia di Supa hai affrontato la maratona di Milano. Pratichi o segui qualche sport?

Una volta pesavo un quintale,la corsa m’ha aiutato a perdere parecchi chili. Non sono uno sportivo, ma tento di farlo il più spesso possibile. Aiuta a migliorare pure le prestazioni nei live.
Correte! :)

C’è una domanda che vorresti che qualcuno ti facesse in un’intervista ma nessuno ti ha mai fatto?

No, dovrei pensare pure a una risposta poi, meglio farsi degli esami di coscienza a quel punto :)

Grazie per la disponibilità Asher Kuno, lasciamo il link al tuo myspace per chi volesse avere maggiori informazioni.

~ di aminta87 su 19 novembre 2009.

Una Risposta to “Asher Kuno: l’Intervista!”

  1. Ma bella superkunetti!! vabbe’ ti meriti tipo -10 punti per non avermi chiamato nel tuo disco ma il mio amore sardo (NH) non e’ facile da scalfire. Salutami ciuffo man, one love from Chi Town. Jay

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: