La risposta di Gue Pequeno a Militant A


E’ di poco fa la risposta di Gue Pequeno alla lettera di Militant A. Riportiamo integralmente la lettera, pubblicata dallo stesso rapper, poco fa, sul suo profilo di Facebook.

Cari amici “rivoluzionari”, ecco la risposta del vostro “schiavo”.
Sono appena tornato dal carcere di San Vittore dove i Club Dogo e altri rapper della Dogo Gang hanno tenuto un live per i detenuti. Così mi metto una stellina anche io…
Nel frattempo il blog di Militant A in cui si offende per essere stato mandato “affareinculo” in un mio rap ha fatto il giro di portali come Indymedia ecc. e ovviamente è stato pubblicato in simultanea sul sito della nostra rivista preferita, XL Di Repubblica.

Andiamo per ordine: mesi fa la nostra “malvagia” casa discografica multinazionale si mette d’accordo con XL (che fino ad allora ci aveva sempre “dissato”) per dare uno spazio al gruppo. La redazione, evidentemente senza gli attributi per voler comprendere da sola l’universo-Dogo, pensa di utilizzare un traduttore, e quindi paga il nostro Militant che si “scomoda” per venire a farci un’intervista (di cui si possono facilmente ascoltare e vedere alcuni estratti digitando su Youtube le parole chiave assalti dogo intervista xl).
La versione pubblicata su carta, però, è ben diversa: la band viene “inquisita”, le sue risposte vengono per la maggior parte omesse e il risultato è un quadretto infernale di un gruppo di drogati, sessisti, destrorsi e soprattutto corruttori di giovani.
Non che ci dispiaccia troppo, del resto la nostra attitudine è un pò maledetta, e per noi è meglio essere finiti con tre pagine su Playboy che avere una recensione come quella che abbiamo letta su XL…
Intendiamoci un cd può piacere o non piacere
e se un giornalista vuole stroncarci , ci sta…
Ma che un traduttore ci metta pure del suo…
Le critiche vengono fatte partire da una serie di demenziali ed ipocriti rumors di alcuni centri sociali anonimi contrariati dai nostri atteggiamenti e dall’abbigliamento firmato: un pò di parte come spunto, forse era il caso di sentire anche altre campane per raccogliere delle informazioni più complete!
Penso che le rime dei Dogo vadano ascoltate e vissute e non semplicemente sentite.
Tutta la merda di cui parliamo è esasperata perchè la realtà italiana odierna lo è.
Siamo controversi perchè il mondo è in contraddizione.
La cocaina è il fumo del 2000.
Ne scorre a fiumi OVUNQUE e anche negli ambienti alternativi…
Dite pure che non vi piacciamo, ma non metteteci in bocca frasi non nostre (gravi), visto che nella famigerata intervista ci vengono attribuite delle rime fasciste sulla strage del Circeo(!!).Cito: “In questo tipo di rap mi sembra ci sia un’assenza completa di responsabilità che riempie la testa di ragazzi di 13 anni. Si può scivolare fino ad evocare il massacro del Circeo( stupro e omicidio compiuto da neofascisti nel ’75)” . Di cosa stai parlando Militant? non di rime dei Club Dogo!!!!
Abbiamo passato la vita andando a ballare negli squat e iniziato là la nostra carriera artistica, siamo cresciuti fortemente attaccati a certe realtà, e mi fa ridere che una giacca di Gucci o un paio di Nike disorientino e irritino così “l’opposizione”. Tutti quelli che ci conoscono sanno da che parte stiamo,
E di come gestiamo in maniera assolutamente Alternativa la nostra storia e il nostro lavoro. E volutamente non uso il termine che a voi farebbe piacere “Autogestiamo”.

Ho pubblicato sul mio nuovo mixtape (autoprodotto) un pezzo in cui cito in modo agro-dolce il grande Militant e la redazione di XL, un dissing nella più tipica tradizione hip-hop, in cui rappo del fatto che sia assurdo che una rivista alternativa ci faccia la morale (alla fine…it’s only rap ‘n roll), e che la stragrande maggioranza dei miei amici/ascoltatori non conosca minimamente l’intervistatore, con un paio di frecciate su ex musicisti ora giornalisti e su femministe un pò troppo severe.
Nessuna minaccia, aggressione e tono intimidatorio, soltanto un pò di spocchia e arroganza hip-hop, quello che in America chiamano “swagger”.
Trovo davvero meschino, assurdo e fuoriluogo associarci al clima di omofobia(??!!) violenta degli ultimi fatti di cronaca italiana e farci passare per picchiatori e antigay, consigliando tra le righe al Leoncavallo di non chiamarci più a suonare, solo perchè la compilation è assemblata da Dj Harsh, promoter di eventi rap al Leo (probabilmente chi muove le critiche è più ferrato sull’attivismo in Val Di Susa e molto meno su dinamiche classiche dei prodotti hip-hop, come i cd mixati in questo caso).
Il nostro eroe dice di stare dalla parte dei più deboli, ma gli sfugge che nelle nostre liriche ce la siamo sempre presa con i più forti, coi potenti, con i politici, con i corrotti dalla bella faccia, con l’ipocrisia e la finzione del mondo dello spettacolo, e le “troie” sono solo le donne mercificate propagandate per anni dalla tv italiana, non tutte le ragazze.
Quando ho letto su XL “Una donna non può ascoltare i Dogo a meno di dimenticare di essere donna” pensavo di essere su Scherzi A Parte.
La tv-spazzatura, la mala-scuola, e la musica di merda fanno indubbiamente più male a un ragazzino di quanto gli possano fare i Club Dogo, che a quanto pare hanno però l’esclusiva nazionale sulla responsabilità di quel che dicono quando prendono un microfono.
Sono estraneo dall’ idolatria di una certa old school italiana che trovo sopravvalutata, non ho nessuna divinità personale e nessun maestro.
Faccio il rapper, non l’opinionista, nè l’attivista, nè vengo pagato da un giornale per fare traduzioni simultanee.
Da sempre dico quello che voglio quando e come voglio.
Rappo le mie rime davanti a migliaia di ragazzi dal vivo, non le scrivo su un forum come la filastrocca incomprensibile che mi ha dedicato quel dj-macchietta anni ’80 o su facebook come un altro ex-artista in disgrazia, che mi ha addirittura definito “non hip-hop”, e che dopo essere fallito sotto una major vestito sgargiante su ritmi club con diamanti finti ora si riscopre underground purista e militante.
Ho sempre rispettato umanamente Militant e lo spessore della sua storia passata con gli Assalti, pur non essendone un gran conoscitore. Ho apprezzato quando nel 2003 mi telefonò personalmente per complimentarsi del nostro primo disco.
Ora sono deluso da tutto questo: perché questa indebita traduzione è il problema ,
perchè mi è sembrato di leggere le prediche da oratorio di Mc Frankie Di Gesù riguardo ai Truceklan, non a caso forse l’unica nuova realtà rap nazionale di dimensioni simili ai Dogo. Ho trovato triste l’ultimo capoverso in cui il nostro esalta il suo curriculum di alta moralità e impegno.
Penso che le vendite dei dischi, il riscontro di pubblico nei live, ma soprattutto il seguito “carnale” parlino più di quelle belle parole..
Non ho mai apprezzato il calcio e non me ne frega niente di fare squadre nè di fare lo “sborone” parlando dei sold-out e del fanatismo che insegue i Dogo facendone un fenomeno di costume quantomeno interessante. Noi non abbiamo la virtù e non vogliamo essere guide, ma posso assicurare al dubbioso Militant che sappiamo bene di cosa parliamo, che quello che facciamo è a nostro modo molto sociale, perchè rappresenta Realmente questa realtà e questa società, e nel bene e nel male, questi ragazzi. Se l’hip-hop è dare voce trasversalmente a tanti tipi di gente, i nostri concerti sono la prova che lo siamo.
Anche se abbiamo gli occhiali fashion e non rappiamo “piove governo ladro” con l’ipocrisia di molti.

Dopo il live nelle case circondariali per il terzo anno consecutivo, i Dogo parteciperanno a una campagna di sensibilizzazione dei giovanissimi alla prevenzione dell’HIV.
E se volete ci metteremo un’altra stellina..

~ di dannygpl su 20 ottobre 2009.

9 Risposte to “La risposta di Gue Pequeno a Militant A”

  1. I am genuinely grateful to the owner of this site who has shared this wonderful post at at this place.

  2. pequeno de cervel…sfigà de merda va a asfaltar strade col cul ridicolo! ti e quei 4 stronzi del tuo club

  3. […] La risposta di Gue Pequeno a Militant A by Danny | Lascia un commento | Musica ← Coez: "Nella casa" 3D & Jesto […]

  4. ma come cazzo è scritto sto articolo?! sembra un italiano settecentesco.

  5. coglione

  6. mettitela nel culo la stellina

  7. que sei il migliore continua cosi che spacchi tutto

  8. GRANDISSIMO GUè!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!11

  9. […] UPDATE: La risposta di Gue Pequeno a Militant A […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: